Controllo semestrale

Controllo semestrale con tamponi ambientali: a cosa serve?

L’impiego di tamponi ambientali per il controllo semestrale di sicurezza e igiene per le attività operanti nel settore agroalimentare e farmaceutico (ristoranti, bar, farmacie, studi di analisi, ma anche aziende produttrici e grandi magazzini di stoccaggio e trasporto) è particolarmente diffuso per verificare la corrispondenza dello status operandi di tali attività ai dettami imposti dal protocollo legale attualmente in vigore. Il sistema HACCP, punto di riferimento per l’autocontrollo igienico-sanitario e per la valutazione dei rischi biologici, fisici e chimici dei processi produttivi, infatti, impone di analizzare a monitorare tutte le fasi di manipolazione di alimenti e farmaci, facendo uso proprio dei tamponi ambientali per rilevare la presenza eventuale di virus e batteri.
La normativa alla quale fa capo il protocollo è sottesa al Decreto Legislativo 193 del 6 novembre 2007 riferita al Pacchetto Igiene.

In cosa consistono i tamponi ambientali?

Mediante l’impiego dei suddetti tamponi, apposite equipe di specialisti chimici e biologi possono effettuare dei rilievi molto particolareggiati in grado di fare luce sullo stato di conformità dei prodotti analizzati al modello di Legge. I test microbiologici hanno pertanto lo scopo di salvaguardare sia lo stato di salute dei consumatori che quello di quanti prestano la loro opera all’interno del sito produttivo, prevenendo così il rischio di infezioni e di contagi seriali.

Chi effettua il controllo semestrale?

Il controllo, da ripetersi, secondo quanto disposto dalla Legge Italiana, a cadenza semestrale, deve essere svolto da professionisti specializzati in grado di leggere in maniera adeguata i dati scaturienti dalle analisi svolte e di indicare quante e quali misure correttive applicare nel caso in cui si evidenziassero delle anomalie. Ovviamente, la consulenza preventiva fornita da una ditta specializzata può permettere di predisporsi col giusto anticipo all’osservanza dei parametri di riferimento e di evitare pertanto le consistenti e spesso invalidanti sanzioni previste per il mancato rispetto del protocollo del Pacchetto Igiene.

Quali sono le eventuali sanzioni in caso di risultati negativi?

Vista la grande delicatezza delle argomentazioni in ballo e i rischi per la salute connessi al mancato rispetto delle norme vigenti, è naturale che la mancata osservazione dei criteri di Legge comporti sanzioni anche di notevole entità. A seconda della gravità dell’infrazione commessa, infatti, i responsabili dei mancati adempimenti possono essere sottoposti a ingenti pene di carattere pecuniario o, nei casi più gravi, perfino all’arresto per un periodo di tempo compreso tra i sei e i dodici mesi.

Richiedi un preventivo

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Richiesta preventivo per il seguente servizio HACCP

Il tuo messaggio