atex rischio esplosione

Documento di Valutazione del Rischio di Esplosione (ATEX)

L’elaborazione e redazione Documento di Valutazione del Rischio di Esplosione (ATEX) è previsto secondo l’articolo 288 D.Lgs 81/08, modificato dal D.Lgs 106/09, come espone la Direttiva Europea 92/CE, relativa a tutte le prescrizioni minime che hanno lo scopo di migliorare la tutela della sicurezza e/o della salute dei lavoratori esposti a rischio di atmosfere esplosive.

Cos’è un’atmosfera esplosiva?

Un’atmosfera esplosiva è definita come una miscela di aria e sostanze infiammabili allo stato di gas, vapore, nebbia o polvere. La miscela, sottoposta a determinate condizioni atmosferiche, in seguito all’accezione o combustione, è in grado di propagarsi nell’insieme della miscela non combusta.
I tre elementi fondamentali sono la presenza di aria che funge da comburente, un gas/vapore/polvere che agisce da combustibile, ed una sorgente d’innesco, quindi una qualsiasi scintilla involontaria o libera, punti incandescenti, elettrostatici, ionizzanti e/o elettrici.

Normativa ATEX: cosa regolamenta?

Gli allegati XLIX, L e LI del D. Lgs 81/08 classificano le aree a rischio di formazione di atmosfere esplosive e le prescrizioni minime d’applicare nella tutela dei lavoratori esposti a rischio ATEX, nonché la segnaletica di avvertimento sempre relativa al rischio.
Il Datore di Lavoro deve, quindi, valutare tutti i rischi specifici, tenendo conto particolarmente alle probabilità e alla possibile durata della presenza di atmosfere esplosive, e alla probabilità che i fondi d’accensione diventino attivi. Inoltre, deve assicurarsi delle caratteristiche di tutti gli impianti e delle possibili interazioni con prodotti infiammabili, e della possibile entità degli effetti prevedibili.
Ogni qual volta sono utilizzati prodotti infiammabili a temperature al di sopra di quella di infiammabilità, va eseguita la valutazione del rischio di formazione di atmosfere esplosive, con modalità e/o quantitativi che possono originare atmosfere esplosive.

Quali tipologie lavorative sono a rischio?

Le attività lavorative a rischio sono:

  • industrie di legname, plastica, meccaniche, siderurgiche e farmaceutiche;
  • industrie alimentari che prevedono l’utilizzo di polveri di cacao, caffè, farine, lattosio, zucchero e/o tè;
  • industrie che utilizzano vernici e/o solventi a spruzzo;
  • luoghi di stoccaggio di grandi quantitativi di sostanze infiammabili come depositi, magazzini, celle.

Quali sono i principi della prevenzione?

E’ sempre di fondamentale importanza conoscere e valutare la possibilità di formazioni di atmosfere esplosive in qualsiasi luogo di lavoro; durante la lavorazione è bene prevenire la formazione di atmosfere esplosive, cercando di evitare o al massimo limitare la possibilità d’innesco. Nel luogo di lavoro la classificazione dell’area è obbligatoria in quanto permette l’utilizzo di protezioni particolari nei luoghi soggetti; anche la segnalazione gioca un ruolo importante e dovrebbe essere sempre presente nelle area a possibile rischio ATEX.
Le aree a rischio, inoltre, dovrebbero essere dotate di allarmi ottici e/o acustici, senza dimenticare di ottimizzare la ventilazione, naturale o forzata, cercando sempre di limitare le possibili esplosioni attuando le misure di protezione.

Richiedi un preventivo

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Richiesta preventivo per il seguente servizio Antincendio

Il tuo messaggio