prove di evacuazione

Prove di evacuazione

Tutte le organizzazioni come enti pubblici e aziende sono obbligate ad effettuare prove di evacuazione o di esodo. Queste prove devono coinvolgere il personale lavoratore con lo scopo unico di testare se l’efficienza delle procedure d’emergenza da eseguire in caso di incendio, terremoto e atti di terrorismo.
Sebbene sia considerata una formalità, è fondamentale che il personale sia addestrato ad eventuali emergenze.

Perché si eseguono le prove di evacuazione?

Prima di tutto, è previsto dalla legge, secondo il D.M. del 10/03/98 “Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro” e dall’articolo 18 del D.Lgs. 81/08. In queste due normative è sottolineato l’obbligo del Datore di Lavoro ad adottare misure per la gestione, in caso di emergenza, di eventuali rischi, con lo scopo di tutelare i lavoratori in caso di pericolo.
Ogni luogo di lavoro richiede un Piano di Emergenza Aziendale, in cui la prova di evacuazione è parte integrante ed eseguita almeno una volta l’anno. Lo scopo delle prove di emergenza, inoltre, è di verificare la reale efficacia delle procedure del Piano di Emergenza Aziendale, non solo quindi impratichire il personale coinvolto.

Come sono organizzate le prove di evacuazione?

Fase 1: Preparazione

Tutto lo staff dell’azienda deve essere coinvolto nella prova; nei giorni precedenti, saranno effettuati degli incontri con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP che, assieme ai collaboratori tutti, dovranno richiamare tutti gli aspetti fondamentali del Piano di Emergenza ed organizzare i compiti specifici per ogni figura come:

Fase 2: Analisi della struttura

Dopo un sopralluogo preventivo, sarà valutata la struttura e creata la procedura d’esodo, attraverso una valutazione del Piano di Emergenza e la planimetria già esistente; avverrà a seguito della comparazione dei presidi antincendio già presenti, analisi degli spazi e valutazione di collegamento con il DVR. Le informazioni raccolte andranno a creare una raccolta delle informazioni, utili alla formazione del personale e la Valutazione degli Indici di Affollamento Max e Conformità Uscita di Emergenza.

Fase 3: Briefing

Il giorno della simulazione sarà effettuato un briefing con tutti li addetti, senza definire lo scenario e la tipologia di emergenza da simulare.
Prima di procedere con la prova di evacuazione, tutto il personale deve essere addestrato in maniera adeguata.

Fase 4: Simulazione d’emergenza

La simulazione può attivarsi con una segnalazione programmata con l’impianto di rilevazione, oppure con la simulazione di un principio d’incendio in una postazione specifica (piano e stanza). Una volta ricevuta la comunicazione, gli addetti dell’emergenza devono iniziare la gestione del principio dell’emergenza; in capo di riscontro positivo, si provvede allo spegnimento dell’allarme.

Fase 5: Evacuazione

Nel caso in cui l’emergenza non è gestibile, si provvederà all’ordine di evacuazione generale del piano intero, con simulazione di chiamata ai Vigili del Fuoco.
Durante l’evacuazione, il Coordinatore dell’Emergenza deve avere sottocontrollo tutti i piani e le persone presenti, evacuate o rimaste disperse. Tale riscontro avviene solamente dopo la consegna di moduli specifici con le informazioni in questione quando i lavoratori si ritrovano nel punto di raccolta esterno all’edificio.
Quando tutti i partecipanti si troveranno nel punto di raccolta, la prova di evacuazione è da considerarsi conclusa. Di seguito, saranno presentati un documento in cui saranno riportati tutti gli avvenimenti durante la prova ed eventuali problematiche, tale da poter modificare il Piano di Evacuazione.

Richiedi un preventivo

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Richiesta preventivo per il seguente servizio Antincendio

Il tuo messaggio