vibrazioni

Vibrazioni: quali sono i rischi reali?

Lo scopo ed il campo di applicazione della procedura di valutazione delle vibrazioni sono il fulcro principale intorno al quale ruota l’articolo 202 del Decreto Legislativo 81/2008, che prescrive la sottoposizione dei datori di lavoro all’obbligo di valutare in forma ufficiale i rischi implicati dall’esposizione dei dipendenti a vibrazioni. Nel caso in cui fossero disponibili presso produttori e fornitori degli strumentiimpiegati i dati di esposizione ufficiali, è possibile rifarsi a questi ultimi per comunicare una stima ufficiale della mole delle vibrazioni senza effettuare dei rilievi diretti; nel caso contrario, sarà necessario svolgere appositi test atti alla verifica e alla quantificazione del livello di esposizione a vibrazioni meccaniche alle quali i lavoratori sono sottoposti.
La normativa impone che la valutazione venga programmata periodicamente e che sia svolta da personale competente in grado di definire i valori di esposizione anche in relazione ai livelli di azione e alle soglie massime prescritte dalla Legge vigente.

Generalmente, si stima che arrechi danni alla salute un’esposizione a vibrazioni quantificabile in una misura superiore al seguente valore:

A(8) = 1 m/s2

La precisa identificazione del rischio connesso all’impiego di strumenti e dispositivi in grado di produrre vibrazioni è parte integrante del documento. La caratterizzazione del rischio e la definizione delle misure da osservare per il contenimento o l’annullamento dei pericoli per la salute rappresentano elementi altrettanto importanti per la formulazione della Valutazione.

Quali sono gli effetti delle vibrazioni sul corpo?

A lungo andare, l’esposizione a forti sollecitazioni causate dalle vibrazioni prodotte da macchinari e dispositivi da impiegarsi sul luogo di lavoro determina la comparsa di disturbi di vario genere in grado di intaccare la corretta funzionalità di ossa e muscoli. Nei casi più gravi, inoltre, le vibrazioni possono essere la causa di problemi articolari e nervosi e di difficoltà anche croniche di movimento.

Quali sono i criteri di valutazione del rischio?

La direttiva dell’Unione Europea sugli agenti fisici è la 2002/44/CE del 25 Giugno del 2002. La norma impone le metodiche con le quali è possibile procedere all’individuazione e alla valutazione dei rischi causati dalle vibrazioni, con riferimento al sistema mano-braccio e al corpo intero. La legge indica inoltre la necessità di indicare le misure di tutela e prevenzione, ribadendo pertanto quanto contenuto dal Decreto Legislativo 692/94.

Quali sono i controlli sanitari preventivi e periodici?

Provvedere allo svolgimento di periodici controlli sanitari è una misura fondamentale per l’osservazione continua degli effetti che l’esposizione giornaliera a vibrazioni comporta sul fisico dei lavoratori. I controlli sono obbligatori per tutti i professionisti esposti a valori superiori a 0,5 m/s2. Al medico curante spetta l’obbligo di curare la sorveglianza sanitaria del paziente, soprattutto in situazioni nelle quali quest’ultimo risultasse esposto anche ad altri co-fattori di rischio.

Spetta infine al datore di lavoro la fornitura di tutti i sistemi di protezione individuale in grado di attenuare o, se possibile, di eliminare, gli effetti nocivi dovuti alle vibrazioni.

Richiedi un preventivo

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Richiesta preventivo per il seguente servizio di Valutazione Rischi

Il tuo messaggio